Viva l'Agorà... (Volontariato)

Inviato da Filippo Bonifacio @, Torino, domenica, febbraio 21, 2010, 23:47 (3696 giorni fa)

"Caro lettor. Se m'odi in questo scritto
com'eco che risal dal mondo cupo
per sè salvar da tal sì derelitto

che m'odia come pecora gran lupo,
ergi 'l tuo dir a pro di mia Commedia
che trovasi in periglio di dirupo

per novi mal a' qua' mal si rimedia
dati da tipo che le tenta strupo
ilar ghignando e saltellando in sedia...!

I' son colui che disse del ri-morso
dall'Ugolin che fu co' figli offeso
(del qual non ripropongo alcun discorso

tal che da te non sia tosto ripreso)
e a te rivolgo energico ricorso
contro l'incolto che non m'ha compreso

(e move e grugna scimmiottando l'orso...
o l'uomo noto qual... 'cerebro-leso')
che legger solo sa... "LAVORI IN CORSO...!"

Questo picciol Gerion, pur fiorentino,
che 'sa' di mia Commedia appena un sorso
e luce nega al sol sin dal mattino...

ha reso i versi miei... banali... arcigni...
com'esseri che mal reggono 'l vino
e qua' tumori che mai fur... 'Benigni'...!

Salvami, dunque...! So che molto... conti...!
I versi miei che p'egli son... 'macigni',
tai più nol son se letti da Sermonti...!

Sii grande... Sii Docente...! Sii brillante...!!
e fà ch'altri, com'ei, non crescan tonti...!
Abbi cura di me...! Sempre tuo. Dante..."


Argomento completo:

 RSS Feed of thread

powered by my little forum