Dai 30 anni in su (Altro)

Inviato da Erika86, giovedì, marzo 30, 2017, 08:55 (720 giorni fa) @ Lela

Vero, bisognerebbe fare piu' politica per scegliersi il futuro, ma il panorama e' deprimente...
I sindacati sono i primi a non aver capito che il mercato del lavoro e' cambiato e stanno ancora a difendere gli insegnanti del sud che hanno accettato il ruolo al Nord e scendono in strada perche' vogliono lavorare al loro paese d'origine.Oppure difendo chi lavora in fabrica. Insomma difendono gli ultimi rimasti col posto fisso e danno l'illusione che quella sia ancora la meta.
Chi e' credibile per i giovani?
Anche cambi di governo non possono cambiare alcune cose che rendono la nostra situazione diversa da quella dei nostri genitori e dei nostri nonni: il debito pubblico italiano, supera i 2.250 miliardi di euro, l'Italia ha una produttivita' bassa, nascono pochi bambini.
Dalla nostra abbiamo solo che la mobilita' e' piu' facile di quanto lo fosse per i nostri genitori.
Pero' bisogna anche dircelo chiaro non sara' mai per noi come negli anni '70 o '80 e bisogna saper rispondere con modelli diversi. Sono stufa di adulti che ci dicono come era ai tempi loro. Adesso e' diverso, la precarieta' e' un fatto della nostra vita e bisogna dare risposte sociali a questa precarieta' tramite sistemi di assicurazione sociale e di solidarieta' e provare formule nuove non solo di lavoro, ma anche di associazione, di vivere insieme , di guardare alle persone.Mi sembra triste che se uno e' riuscito o fallito si misuri sul posto fisso.


Argomento completo:

 RSS Feed of thread

powered by my little forum